Socialize

Brunetta: PD, “Memo per Renzi in vista della direzione, ecco suoi 10 fallimenti al Governo”

 

“In vista della Direzione del Partito democratico ci permettiamo di rinfrescare la memoria al segretario Matteo Renzi. Ecco i suoi dieci fallimenti a Palazzo Chigi: dalla riforma Boschi al Jobs Act, dalla riforma della scuola a quella della Pa: mille giorni di nulla, mille giorni persi per l’Italia”.

Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

1) “Schiforma costituzionale”: bocciata (60 a 40) dal referendum del 4 dicembre 2016.

2) Legge elettorale (Italicum, quella che il mondo avrebbe dovuto invidiarci): caduta con la bocciatura della riforma costituzionale e con la sentenza della Corte del 25 gennaio 2017.

3) “Flop act”: 20 miliardi buttati senza creare buona occupazione, con disoccupazione al 12% e disoccupazione giovanile 40,1%.

4) “Imbroglio” 80 euro: 10 miliardi all’anno spesi lasciando consumi e crescita al palo. La congiuntura continua a peggiorare.

5) “Cattiva Scuola”: 3 miliardi e 120.000 assunzioni hanno creato solo caos tra docenti, studenti e famiglie.

6) Pubblica amministrazione: “riforma” affossata dal Consiglio di Stato, con parallela resa al sindacato. Solo annunci e niente più.

7) Banche: dopo il fallimento di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara, 150.000 truffati e 4 decreti, per salvare MPS, la banca del PCI-PDS-DS-PD, e mettere in sicurezza il sistema sono serviti 20 miliardi. E non si sa se basteranno.

8) Immigrazione: l’invasione che stiamo subendo (181.436 migranti sbarcati nel 2016) è soprattutto segno che Renzi in Europa non ha contato nulla. E le comunità locali sono al collasso, con costi umani e finanziari spaventosi.

9) Più tasse, più debito, più deficit e nessuna spending review: la pressione fiscale in Italia è aumentata di un punto di Pil, dal 41,6% al 42,6% e continuerà ad aumentare con la “manovrina”. Inoltre, piuttosto che diminuire, con gli impegni presi da Renzi il debito è aumentato di 121,8 miliardi, il deficit per il 2016 doveva attestarsi all’1,5% e invece ha chiuso al 2,4%, la spesa pubblica aumenta di 20,5 miliardi fino al 2019 (pari al 2,4% in più in 5 anni). Renzi e Padoan hanno perso la faccia, e lo spread sale…

10) Terremoto: nonostante 3 decreti, popolazioni abbandonate, confusione di ruoli, Protezione Civile smantellata. Fallimento a 360 gradi e ignobile strumentalizzazione nei confronti dell’Europa”, conclude Brunetta.