Socialize

CONTI PUBBLICI: BRUNETTA, “IN ARRIVO TEMPESTA PERFETTA, GOVERNO NON PRONTO AD AFFRONTARLA”

 

speculazione SPREAD ok   “Per il nuovo governo, non c’è momento peggiore a livello internazionale di quello attuale, per lanciare messaggi bellicosi contro le istituzioni europee, o per avanzare proposte del tutto assurde come quella del condono del debito da parte della Banca Centrale Europea. E’ notizia di questi giorni, infatti, che i banchieri centrali di Francoforte stanno discutendo sul piano di uscita definitiva dal Quantitative Easing voluto fortemente dal presidente Mario Draghi per salvare l’euro dalla grande crisi finanziaria del 2008. Ora che il tasso d’inflazione nell’eurozona ha quasi toccato la soglia obiettivo del 2% e che non c’è più motivo per acquistare mensilmente miliardi di euro in titoli di stato, l’istituto centrale sembra ormai orientato a dare l’annuncio di cessazione del programma d’acquisto. Tale annuncio potrebbe già avvenire durante le riunioni dei prossimi consigli direttivi di giugno o luglio e la cessazione definitiva degli acquisti dovrebbe avvenire quasi sicuramente entro la fine dell’anno. Se così fosse, per l’Italia verrebbe meno il paracadute della BCE e il nostro debito pubblico sarebbe lasciato totalmente in mano al mercato, con investitori istituzionali che sembrano già voler chiedere una remunerazione più elevata sui titoli acquistati e con le banche italiane, tradizionali acquirenti dei titoli di Stato, che saranno obbligate a ridurre l’ammontare di titoli acquistati, per non vedere svalutati i loro attivi. E’ bene quindi mettere in conto che la tempesta perfetta potrebbe scatenarsi presto sull’Italia, con un governo che non è per nulla preparato ad affrontarla”. Lo afferma in una nota Renato Brunetta, deputato di Forza Italia.