Socialize

MANOVRA: BRUNETTA, “LEGA E M5S SIANO RESPONSABILI, EVITINO DI MINACCIARE TRIA”

 

Giovanni Tria OK

 

“La Banca Centrale Europea è pronta ad abbassare le stime di crescita dell’intera Eurozona nella riunione che si terrà oggi a Francoforte, secondo autorevoli fonti di stampa internazionali. Il rallentamento, che si sta verificando un po’ in tutti i paesi dell’area euro, è dovuto al forte calo della produzione industriale che sembra originare dai primi effetti negativi della guerra commerciale che l’amministrazione Trump ha deciso di combattere in particolare contro Cina e Germania. Il Pil dell’Eurozona dovrebbe quindi crescere quest’anno al di sotto, o in prossimità, del +2,0%.

Certamente non una buona notizia per l’Italia, già alle prese con pesanti problemi di crescita interna, dal momento che la sua forte vocazione di Paese esportatore la rende fortemente vulnerabile al calo della domanda estera, soprattutto a quella proveniente dal resto d’Europa. Le ultime stime di Confcommercio mostrano infatti come il tasso di crescita del Pil per il 2018 dovrebbe attestarsi al +1,2%, tre punti decimali sotto il +1,5% previsto dal governo Gentiloni nel DEF di aprile. Un dato, tuttavia, che potrebbe essere anche troppo ottimista, considerando che altri istituti di previsione internazionale ritengono che l’Italia non crescerà più del +1,1%.

A complicare ulteriormente le cose, la stampa riporta oggi la notizia che circolerebbe un dossier segreto, molto delicato, del Fondo Monetario Internazionale sui casi Italia e Turchia, due paesi visti dall’istituto di Washington come potenziali fonti di innesco della prossima crisi economica europea.

Per questi motivi è più che mai necessario che i membri del governo di Lega e Movimento Cinque Stelle siano responsabili ed evitino ancora di minacciare il ministro dell’Economia Tria, continuando a chiedergli risorse che non ci sono per finanziare le loro promesse elettorali come il reddito di cittadinanza, la flat tax e la riforma Fornero, dati gli spazi sempre più ristretti della finanza pubblica”.