Socialize

GOVERNO: BRUNETTA, “SCONTIAMO LA ‘TASSA DA GOVERNO CONTE’ PER L’AUMENTO DELLA PERCEZIONE DEL RISCHIO AVVERTITO DAGLI INVESTITORI SULLA SOSTENIBILITA’ DEL DEBITO”

 

Di Maio

 

“Le irresponsabili dichiarazioni di ieri del vicepremier Luigi Di Maio, che ha minacciato di voler chiedere le dimissioni del ministro dell’Economia Giovanni Tria se questi non avesse stanziato nella prossima Legge di Bilancio 10 miliardi di euro per avviare il reddito di cittadinanza, smentendo poi le ricostruzioni della stampa e i continui attacchi provenienti da vari esponenti del Movimento Cinque Stelle contro lo stesso ministro, hanno avuto come effetto quello di far aumentare sensibilmente, ancora una volta, i rendimenti d’emissione dei titoli di Stato del Tesoro nelle aste che hanno avuto luogo questa mattina.

Il rendimento dei BTP a 3 anni è infatti salito all’1,20% in rialzo rispetto all’1,10% registrato nell’ultima asta, portandosi ai massimi livelli dal febbraio 2014. Il rendimento dei BTP a 7 anni è salito al 2,55%, 24 punti base in più rispetto alla precedente asta. Tale aumento costerà al Tesoro, e quindi ai contribuenti italiani, decine di milioni di euro. Tanto per fare un paragone, il corrispondente titolo di Stato spagnolo a 3 anni ha spuntato nell’ultima asta un rendimento del -0.149%, circa 135 punti base in meno rispetto al nostro. Questa differenza di rendimento, dovuta all’avvento del governo Conte è già costata e costerà diverse centinaia di milioni di euro in più ai contribuenti italiani rispetto ai contribuenti spagnoli. Una vera e propria “tassa da governo Conte” imposta agli italiani soltanto per l’aumento della percezione del rischio avvertito dagli investitori internazionali sulla sostenibilità del nostro debito pubblico”.