Socialize

MANOVRA: BRUNETTA, “DRAGHI E MOSCOVICI SONO CON TRIA”

 

Brunetta SALA STAMPA MONTECITORIO

 

“In Italia regna il caos. Un caos dovuto al fatto che esponenti di governo, e in particolar modo il vicepremier Di Maio, un giorno sì e l’altro pure dichiarano cose fuori dalla grazia di Dio circa i conti, come sui 10 miliardi per il reddito di cittadinanza quando non c’è un euro a disposizione, in ragione della crisi della nostra finanza pubblica, del deficit e del debito altissimi e del rallentamento preoccupante della nostra congiuntura. Quindi euro da spendere non ce ne sono, se si spendono lo si fa in deficit, portando quest’ultimo fuori strada verso il 3%, con l’aumento parallelo del rapporto debito/Pil. Questo è quello che i mercati aspettano per far schizzare verso l’alto lo spread e quindi pagare in interessi più alti la dabbenaggine di voler fare ‘tassa e spendi’ o ‘spendi e spendi’, distruggendo il Paese”.

Così Renato Brunetta, deputato di Forza Italia, parlando con i giornalisti in Sala Stampa a Montecitorio.

“Hanno ragione Draghi e Moscovici a richiamare l’Italia, ma di fatto sia Draghi che Moscovici stanno con il ministro Tria, che non è affatto isolato e che rappresenta l’interesse degli italiani, vale a dire non far collassare il Paese”.

“Questo governo è il governo di Tria oppure è il governo di Di Maio? Se è il governo di Tria, l’Europa ci crede e ci credono i mercati. Se è il governo di Di Maio, come è successo oggi alle aste, i rendimenti dei titoli vanno alle stelle con sprechi di decine di milioni di euro dovuti solo alla dichiarazione di ieri del vicepremier grillino. Questo sta facendo la maggioranza da almeno 100 giorni: dire cose insulse nei momenti sbagliati”.