Socialize

BRUNETTA: “RECESSIONE: PIOVE SUL BAGNATO, BANCHE A RISCHIO”

 

banche-rendimento

 

“Il 2019 potrebbe essere un altro anno orribile per il settore bancario, come dimostra la crisi e il commissariamento di Banca CARIGE e la spinosa questione di MPS, per la quale il Tesoro dovrà entro poche settimane trovare una soluzione, vale a dire una fusione con un altro soggetto bancario in grado di far uscire dalla crisi MPS e di consentire al Tesoro di uscire dal capitale. Il rischio è quello di un’altra ondata di fallimenti degli istituti di credito. Relativamente ai fattori esterni in grado di colpire l’economia italiana, purtroppo, c’è solo l’imbarazzo della scelta.  Le due incognite più grosse riguardano la guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina, che sta mettendo in ginocchio i mercati azionari globali, quelli italiani compresi, colpendo soprattutto le grandi multinazionali del settore hi-tech. Una guerra commerciale che sta cominciando a produrre effetti negativi anche sull’economia reale delle due superpotenze economiche mondiali, e sulla Germania, la locomotiva europea, che nel terzo trimestre del 2018 è entrata addirittura in recessione. Un fatto inimmaginabile soltanto fino a pochi mesi fa. Secondariamente, gli analisti paventano che la Federal Reserve possa alzare troppo velocemente i tassi d’interesse negli Stati Uniti, portando il costo del denaro al 3,0% entro la fine dell’anno, con il rischio che i tassi variabili sui finanziamenti arrivino ad un valore insostenibile per l’americano medio che, sfruttando il periodo di tassi a zero, si è nuovamente indebitato a dismisura. Il rischio è quello dello scoppio di un’altra bolla finanziaria internazionale come quella del 2008. Se poi consideriamo che l’economia dell’eurozona non naviga certo in buone acque, dal momento che i tassi di crescita del Pil di tutti i paesi sono stati rivisti al ribasso e che l’Europa dovrà affrontare tra pochi giorni la questione Brexit, con il Governo inglese che non sa assolutamente quale accordo proporre a Bruxelles, ecco che il quadro negativo è completo. Rispetto a tutte queste disgrazie esogene, il nostro paese ci mette del suo. La disgrazia tutta endogena del Governo sovranista, populista, di buoni a nulla ma capaci di tutto Lega – Cinque Stelle”.