Socialize

OGGI OSPITE A ‘SKYTG24 ECONOMIA’

 

sky-tg24-economia

 

GOVERNO: BRUNETTA (FI), ATTUALE PERIMETRO MAGGIORANZA INSUFFICIENTE PER SFIDE EPOCALI CHE CI ATTENDONO

“Le cose da fare nei prossimi cento giorni sono di una difficoltà e dimensione enormi. Dobbiamo, ad esempio, fare un nuovo dl ristori per 32 miliardi di euro; scrivere definitivamente il Recovery Plan che deve contenere 4-5 riforme epocali che l’Italia non ha realizzato negli ultimi 20-30 anni; poi anche il Piano vaccini. Questi tre percorsi richiedono una coesione politica e una capacità di governo straordinari, forse le più grandi sfide, concentrate in un così breve lasso di tempo, che l’Italia abbia mai dovuto affrontare”.

Lo ha detto a ‘SkyTg24 Economia’ il deputato di Forza Italia, Renato Brunetta, responsabile economia del partito azzurro.

“Sarà in grado una maggioranza simile a quella entrata in crisi – ha continuato – di fare tutto questo nei prossimi cento giorni? Per il bene dell’Italia mi auguro di sì, ma viste le premesse è concreto il rischio che nei prossimi mesi questo non accada. Un perimetro uguale a quello dell’attuale maggioranza è assolutamente insufficiente”. E sul Recovery Plan Brunetta è stato chiaro: “sono per scriverlo insieme, ma per farlo bisogna essere in due. È necessario che a volerlo sia anche la maggioranza, forse un po’ troppo impegnata a litigare al proprio interno”.

 

VACCINI: BRUNETTA (FI), FALLIMENTO ATTUALE PIANO DIMOSTRA CHE PERIMETRO QUESTO GOVERNO NON PUO’ PORTARCI FUORI DA PANDEMIA

“Bisogna ripartire dall’agenda. Dalle cose da fare. Innanzitutto il Piano vaccini. Quello che abbiamo fa acqua da tutte le parti. Per far ripartire il Paese è necessario che la stragrande maggioranza dei cittadini siano vaccinati entro la primavera e questo si potrebbe ottenere solo mobilitando tutto il Paese, così come sta facendo Israele”.

Lo ha detto a ‘SkyTg24 Economia’ il deputato di Forza Italia, Renato Brunetta, responsabile economia del partito azzurro.

“Il fallimento dell’attuale Piano vaccini – ha evidenziato – dimostra che questa struttura di governo non è in grado di portarci fuori dalla pandemia. Il mio focus non è tanto su chi sarà il Capo del nuovo governo, ma quale idea di Paese avrà il nuovo governo per farci uscire dalla crisi. L’attuale ridotto perimetro di maggioranza è uno spreco politico, economico ed etico  in questa fase delicata della nostra storia”.