Socialize

GOVERNO: BRUNETTA, “L’EUROPA ATTENDE RISPOSTE CREDIBILI: O MANOVRA CORRETTIVA O AVVIO DELLA PROCEDURA”

 

conte-junker-commissione-ue

 

“Per quanto riguarda l’insostenibilità del debito, l’Esecutivo Conte non ha ancora battuto un colpo. Dopo la decisione della Commissione, infatti, si è limitato a scrivere una lettera di spiegazioni del perché, a suo dire, il deficit nel 2019 scenderà al 2,1%, anziché essere al 2,5% come stimato dalla Commissione. Lo stesso presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è lasciato andare ad una incredibile dichiarazione che “il deficit si ridurrà da solo”. Una risposta non richiesta affatto da Bruxelles, con una spiegazione non credibile e che irrita ancora di più l’Europa, che invece ha esplicitamente chiesto al Governo non di trovare scuse ma di dire semplicemente se intende fare la correzione entro la fine di luglio. Continuare a ritardare questa risposta, nella speranza di arrivare al prossimo autunno per vedere cosa succede, non è una strategia profittevole, dal momento che questo atteggiamento è interpretato da Bruxelles come non volontà di fare l’intervento. Martedì si riuniranno gli sherpa dei ministeri dell’economia europei per dare il loro parere all’avvio della procedura. A quel punto, i giochi saranno fatti, a meno di una formale promessa da parte del Tesoro di correggere i conti e considerando che i due partiti di maggioranza, completamente isolati nella politica europea che conta, hanno un potere negoziale pari a zero”.

 

Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.