Socialize

LEGGE DI BILANCIO: BRUNETTA, “GOVERNO IN ALTO MARE, TRIA NON DICE CON QUALI RISORSE EVITERÀ L’AUMENTO DELL’IVA: IN OGNI CASO, A RIMETTERCI SARANNO GLI ITALIANI CON INGENTI TAGLI ALLA SPESA PUBBLICA”

 

tria

“L’audizione del ministro dell’Economia Giovanni Tria di oggi pomeriggio ha confermato che, al di là della propaganda continua fatta da Matteo Salvini e Luigi Di Maio sulla prossima Legge di Bilancio, il Governo è in alto mare. Innanzitutto, una conferma, quella che la crescita del Pil di quest’anno non sarà superiore al +0,2% se va bene, perché, come ammesso dallo stesso ministro, permangono forti rischi al ribasso sull’economia globale. In pratica, il 2019 sarà un altro anno di crescita zero.

Secondariamente, il ministro ha affermato che il Governo rispetterà in pieno gli obiettivi concordati con la Commissione Europea ma dopo aver ripetuto che non intende aumentare l’IVA si è rifiutato di dire dove andrà a recuperare le risorse alternative per impedire l’aumento. Ha solo precisato che non ci saranno tagli all’istruzione e alla sanità. Cosa rimane? Guardando ai restanti capitoli di spesa, viene da chiedersi se il ministro non intenda tagliare, per esclusione, le pensioni, gli stipendi pubblici, la sicurezza o il welfare. Qualcosa deve tagliare per forza. In ogni caso, non certo una buona notizia per gli italiani”.

Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.