Socialize

SALARIO MINIMO EUROPEO: BRUNETTA, “NULLA DI NUOVO SOTTO IL SOLE DI BRUXELLES, È UN IMPEGNO CHE LA COMMISSIONE UE HA ASSUNTO DA TEMPO, IL M5S STUDI DI PIÙ”

 

salario-minimo-europeo-von-der-leyen-commissione-ue

“Leggo che per votare un candidato del Partito popolare quale Presidente della Commissione Europea ed uscire dal pesante isolamento a cui sono condannati, e a cui condannano anche l’Italia, il M5s e il Presidente del Consiglio facente funzione, citano l’impegno ad un salario minimo anche in Europa. Mi dispiace deluderli ancora una volta e suggerire loro di studiare con maggiore attenzione. L’obiettivo di un salario minimo in Europa, così come la lotta alla disoccupazione, sono un impegno che la Commissione Europea ha assunto da lungo tempo.

Già nell’ultimo biennio, il Presidente Juncker aveva sottolineato questo obiettivo quale traguardo per una Europa più sociale, al pari di un meccanismo automatico o quasi automatico di assicurazione contro la disoccupazione che soprattutto il governo italiano aveva promosso, senza successo. E il Presidente Macron lo aveva messo come punto importante del suo progetto di rilancio dell’architettura europea. Nulla di nuovo, quindi, sotto il sole di Bruxelles. Ma soprattutto disegni molto lontani da quelli che il giovane Di Maio anche oggi ha rilanciato qui in Italia. Disegni lontani da quelli nostrani per livelli indicati, saluti alla follia di 9 euro qui proposti, per struttura, da applicarsi in maniera variabile secondo le condizioni del mercato, saluti al livello eguale per tutti, e rispettosi del ruolo della contrattazione e del sindacato.

Quindi sgombriamo il campo dalla solita propaganda grillina che vuole nascondere il fallimento delle loro politiche assorbendo dichiarazioni programmatiche distanti culturalmente dal loro mondo. Il PPE si impegnerà per la costruzione di una rete di sostegno monetario variabile per singole regioni e Paesi a coloro che sono più in difficoltà e promuoverà una forte azione contro la disoccupazione, particolarmente quella giovanile. Forza Italia sarà al fianco della candidata Presidente se riuscirà ad essere eletta. Ma di salario minimo alla grillina sarà bene riparlarne per non prendere le solite Raccomandazioni dall’Europa e poi dire ci siamo sbagliati”.

Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.