Socialize

ISTAT: BRUNETTA, “DOPO IL CALO DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE, OGGI QUELLO DELL’EXPORT, TRADIZIONALE PUNTO DI FORZA ITALIANO”

 

calo-export

 

“Dopo il forte calo della produzione industriale, i dati dell’ISTAT rilasciati oggi certificano che anche l’export italiano, nel mese di dicembre, è calato.

“A dicembre 2019 si stima una flessione congiunturale delle esportazioni (-0,9%) e un aumento delle importazioni (+0,8%). Il calo congiunturale dell’export è dovuto alla diminuzione delle vendite sia verso i mercati extra Ue (-1,0%) sia verso l’area Ue (-0,8%)”, si legge nel comunicato che ha accompagnato la pubblicazione dei dati. La crisi economica dell’Eurozona e la guerra dei dazi hanno quindi influenzato le esportazioni, il tradizionale punto di forza dell’Italia. In Europa, infatti, l’economia continua a dare segnali di stagnazione, con il Pil tedesco che nel quarto trimestre del 2019 è rimasto piatto, mentre su base annuale è cresciuto solo del +0,6%. Berlino si trova quindi in piena stagnazione e a farne le spese è l’intera economia dell’eurozona, cresciuta anch’essa soltanto del +0,1% nell’ultimo trimestre del 2019 e del +0,9% nell’ultimo anno. In attesa di vedere gli effetti che il coronavirus produrrà nei primi due trimestri dell’anno e che potrebbero costare, secondo le stime degli analisti, qualche decimale di crescita”.

Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.